Das Hotel Garden Sea liegt im Herzen Ostvenetiens, eines geschichträchtigen Landes, reich an festgewurzelten Traditionen, die sich u.a. in der gastronomischen Kultur wiederspiegeln. Die gastronomischen Routen, zur Entdeckung kulinarischer Spezialitäten aus der heimischen Küche, sind ein Eldorado für Feinschmecker und Weinkenner.
Dank der traditionellen, umweltfreundlichen, über die Jahre hinweg beibehaltenen Anbaumethoden, der Einhaltung der natürlichen Reife – und Lagerzeiten, gehört Ostvenetien durch sein hochqualitatives kulinarisches Angebot zu den beliebtesten gastronomischen Reisezielen des Landes.

 

 

Weine

Ostvenetien gehört zum Produktionsgebiet der DOC- gekennzeichneten Weine Lison Pramaggiore, DOC Piave, DOC Venedig und DOC Prosecco (unser gastronomisches Angebot: hier klicken).Das DOC-Siegel, also die kontrollierte Ursprungsbezeichnung, wird Weinen mit sehr präzisen Eigenschaften verliehen, die strenge Produktbestimmunen zu erfüllen haben. Das Land Venetien ist eine der Hauptproduktionsregionen von Wein in Italien. Weinkultur und kulinarische Traditionen sind tief in der Region verwurzelt. In den heimischen Weinhandlungen und den typischen „Cicchetterie“ (Weinstuben, der Name Ciccheteria wird aus dem italienischen Wort „cicchetto“ abgeleitet. „Cicchetto bedeutet Appetithäppchen)) treffen sich die Einheimischen, um in angenehmer Atmosphäre ein „ombretta“, also ein Glas Wein zu trinken und „cicchetti“, kleine Häppchen, zu verkosten.

DOCG- Weine Lison

Lison DOCG : Die Tradition der Herstellung von Weißweinen im Gebiet Lison- Pramaggiore hat in letzter Zeit mit der Einführung der „DOCG Lison – Weine“ zur Bekanntheit des Gebiets beigetragen. Dafür sorgt die Rebsorte Tocai, die seit undenklichen Zeiten in diesem Gebiet präsent ist. Ein strohfarbener Wein mit vollen Aromen und brillanter Eleganz.

DOCG – WEINE Malanotte del Piave

GBereits in der Antike war dieses Gebiet für seine Weine bekannt. Davon war bereits bei Auch Plinius, der Ältere, chwärmte von diesen kräftigen Rotweinen Die Erinnerung an diese Weine rufen der Raboso, Refosco sowie auch Carmenère wach, die in diesem Gebiet prächtig gedeihen.

DOC-Weine Lison Pramaggiore

Rotweine: Rosso Lison Pramaggiore, Merlot, Cabernet, Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Carmenère, Malbech, Refosco passito, Refosco dal Peduncolo rosso.
Weißweine: Bianco Lison Pramaggiore, Lison Classico, Pinot bianco und Pinot grigio, Chardonnay, Riesling Italico, Sauvignon, Verduzzo, Verduzzo passito, Sekt.

DOC-Weine Piave

Rotweine: Raboso (autochthone Rebsorte), Piave Melanotte (Raboso Superiore), Merlot, Cabernet, Pinot Nero, Carmenère, Cabernet Sauvignon.
Weißweine: Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay, Tai, Verduzzo.

DOC-Weine Venedig

Weißweine: Chardonnay; Pinot grigio; Verduzzo frizzante/spumante (Verduzzo oder Glera).
Rotweine: Cabernet franc, Cabernet Sauvignon; Merlot; Rosso (50% Merlot).
Roséweine: Rosato/ Prickelnd Rosè/ Sekt

DOC Prosecco

Mit seinem blumigen und fruchtigen Duft, dem frischen, leichten und spritzigen Geschmack ist der Prosecco zum Made in Italy- Weinsymbol geworden und die kontrollierte Herkunftsbezeichnung (DOC) garantiert seit 2009 die Qualität des weltweit bekanntesten, italienischen Schaumweins.

Weiter

 

Il Montasio DOP

Il Montasio è un gustoso formaggio a pasta cotta semidura, ottenuto esclusivamente con latte bovino prodotto in specifiche aree del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, tra cui alcune zone della Venezia Orientale.
La Denominazione di Origine Protetta (DOP) è attribuibile solo ad alimenti le cui caratteristiche dipendono essenzialmente o esclusivamente dal territorio di produzione.
Il Montasio si può gustare in diverse fasi di stagionatura: fresco, oltre i due mesi; mezzano, oltre i 4 mesi; stagionato, oltre i 10 mesi; stravecchio, oltre i 18 mesi.
È ottimo da solo, per scoprirne così le differenze di gusto in base alla stagionatura, o per arricchire verdure, frittate, timballi, risotti, primi piatti, carni e alcuni tipi di pesce. Lo stravecchio può essere anche grattugiato.

Approfondisci

 

Gli asparagi bianchi di Bibione

Il terreno sabbioso e intriso di salsedine, alimentato delle acque calde provenienti dalle falde sotterranee, dona agli asparagi di Bibione un sapore intenso e un profumo inconfondibile.
Come gustarli: la tradizione vuole che la loro degustazione sia fatta a crudo o solo dopo breve bollitura, con solo un filo d’olio, pochissimo sale e uova sode o al tegamino, ma sono ideali anche per risotti e creme o come contorno per molti piatti di carne.

Approfondisci

 

Gli asparagi verdi amari montine

È l’unico asparago verde tipico della Venezia Orientale e vanta una tradizione di coltivazione secolare che deriva da forme spontanee incrociate con varietà coltivate.
Come gustarli: anche solo bolliti o cotti al vapore, con il loro sapore delicato e leggermente amarognolo sono ottimi come contorni, come base per piatti con uova e formaggi o per insaporire paste e risotti .

Approfondisci

 

I carciofi violetti di Sant’Erasmo

Prendono il loro nome dall’isola lagunare di Sant’Erasmo. Sono teneri, carnosi, poco spinosi e di forma allungata, con le brattee, le foglie più esterne, color violetto cupo. I primi carciofi del raccolto, che inizia in aprile, si chiamano castraure e sono molto apprezzate per il loro sapore unico.
Come gustarli: crudi con olio e limone, fritti in pastella, cotti in padella. Oppure alla grega, tagliati a spicchi, rosolati e serviti freddi con limone, o insieme alle schille di laguna, le alici e le sardine. Lessi e conditi con aglio, prezzemolo, pepe e olio, nelle osterie sono tra i cicheti di ordinanza.

Approfondisci

 

Le schille della Laguna

Sono dei gamberetti di una lunghezza massima di 9 centimetri che vivono nei fondali sabbiosi di tutto il bacino lagunare e che si spingono fino alle acque salmastre della valli da pesca, dove assumono una colorazione grigiastra cosparsa di puntini neri. Come gustarle: lesse, condite con olio, limone, prezzemolo, sale e pepe. Fritte e adagiate su un letto di polenta morbida, fanno il tradizionale piatto chiamato poenta e schie.

Approfondisci

 

I moscardini di Caorle

Sono molluschi cefalopodi, con otto tentacoli e corpo allungato a forma di sacco. Raggiungono una lunghezza massima di 35 centimetri e appena pescati emanano un caratteristico odore di muschio, da cui deriva il nome moscardino. La loro carne ha un basso livello calorico, è particolarmente digeribile ed è molto ricca di collagene, utile a combattere la perdita di tono della pelle. 
Come gustarli: lessati e conditi a piacere in insalata oppure saltati in padella alla busara, con pomodoro e vino bianco secco, insaporiti da aglio, peperoncino e prezzemolo e accompagnati da polenta bianca.

Approfondisci

 

Le moeche e le mazanete

Sono i granchi marini, che si dividono in mazanete, le femmine in periodo riproduttivo con guscio duro, e moeche, maschi e femmine in periodo di muta con guscio molle. Le moeche si trovano solo in alcuni periodi dell’anno, quando l’acqua della laguna si fa più tiepida. È allora che arriva il molecante, il pescatore specializzato che sa riconoscere il momento adatto per la cattura.
Come gustarle: le moeche vanno tradizionalmente lasciate per un paio d’ore in un recipiente con delle uova sbattute, quindi passate nella farina e fritte per pochi minuti in olio bollente. Si mangiano col guscio intero. Le mazanete sono ottime bollite per pochi minuti e, una volta sgusciate, possono essere preparate in insalata con olio, sale, pepe, prezzemolo e aglio a piacere, o utilizzate come condimento per la pasta, preferibilmente tagliolini.

Approfondisci

 

Le anguille della Livenza

Nella Livenza, le giovani anguille trovano acque temperate di risorgiva in cui crescono lentamente, maturando carni dal sapore inconfondibile. 
Come gustarle: una ricetta classica è quella con le prugne acerbe, in dialetto bisato e amoi. Tradizionalmente, si preparano anche fritte, ricoperte di solo pan grattato, o alla brace, accompagnate dalla classica polenta bianca, ma si prestano a molte altre interpretazioni culinarie.

Approfondisci

 

Il Legual

È considerato un prodotto di frontiera perché viene realizzato principalmente lungo il confine con il Friuli Venezia Giulia.
È un insaccato prodotto con la lingua suina, scottata e aromatizzata, e le carni magre della testa e del guanciale insaporite con sale, pepe e aromi vari. Viene commercializzato precotto, data la lunga cottura cui deve essere sottoposto. È un prodotto fortemente radicato nella cultura contadina e un tempo veniva consumato in occasione dell’arrivo dei nobili veneziani che, dopo il rito dello Sposalizio del Mare nel giorno della Festa dell’Ascensione, si recavano in villeggiatura nell’entroterra.

Approfondisci

 

Il riso carnaroli  di Caorle e Portogruaro

La produzione è limitata al territorio di Caorle e Portogruaro e viene venduta direttamente al consumatore, ai ristoratori e ai negozi di alimentari.
La specie coltivata è l’Oryza Sativa e viene raccolta nel mese di settembre.
È ideale per la preparazione di risotti perché resta al dente e, grazie alla ricchezza di amido, si amalgama facilmente nella fase di mantecatura

Approfondisci

.