THE CASONI
THE ANCIENT HABITATION IN THE AMPHIBIOUS VENETO.

In the lagoons, on the banks of the rivers or in the land, the Casoni have represented for centuries the home, the village or the shelter for the inhabitants of Veneto: farmers, fishermen, hunters or wandering people. Sails of straw and straight reeds on the edges where water and land meet each other, along the misty borders of the low tide, over the sandbank of the inner lagoons, in the marshy clearings of the hills. For centuries, the “casoni” have repeated the original form of the paleohistorical structure, with variations, which are only due to the variety of the incidental functions and to the quality of the building materials, which are available here: wood, straw, sedge, and clay. The radical transformations, which have been realized in this region, above all during the last century, cancelled them from the daily landscape and they removed them from our memory: few well-kept examples and few ruins integrated in new buildings remain nowadays in the country. The “casone” are rarer along the coasts of the rivers and in the inner marshes, which were harnessed as hydroelectric power stations or as irrigation systems, asphalted or parcelled out. They still exist in the lagoons or in the fishing valleys of the Oriental part of Veneto, in Venice’s province, in the municipal districts of Caorle and San Michele al Tagliamento. That is to say in a land of rivers, canals and stretches of water which, even if it was reduced and affected by a century of hydraulic and agricultural drainages, was able to maintain its own particular and very delicate nature up until today. The very ancient constructive technique of the ““casoni” of lagoon or valley that are situated on the edge of canals, rivers or on isolated muds, (sope) announces the principles of the fondamenta of Venice. The “casone” was a permanent but also a seasonal habitation, in according to the ages, and nowadays it is the place of the identity for the local populations.
Coming from the water
Using the boat permits, in some of these stretches, -which is proposed in the lagoon of Caorle starting from the little beach of Falconera-, to revive by a miracle the most authentic contour of the ancient lagoon landscapes, walls of sedge up to inside the lapping of the water, and to revive the pointed pyramids of the “casoni” with their inextricable roots, which are tied to the bed of reeds. From the water, it is possible to enjoy the whole density of the landscape, which is full of colours and scents that are so brackish that, coming from the canal or from the lagoon expanse, the landing to a “casone” is considered as the arrival into a harbour at the end of an untiring travel, where every sail is uncertainly and where the horizons change with the tides. The sobriety and the essentiality of the widening, where the “casone” rises, becomes an island of security, a vision, which is full of unusual hospitality, almost a shelter. Living in a cason was surely difficult, there were often hunger and discomforts, but at the same time, also the possibility of survival, the security of the seasonal rhythms, the ability with the use of the natural goods. The “casone” is a synthesis of this. For this reason, going along canals, valleys, and lagoon expanses or along the borders or the banks is an ancient activity, and nowadays it mostly maintains the amazement and the wonder, which only the authentic, simple and also precious things keep.
Seeing with another look
But the travel, or to be more precise these travels between water and land, can offer also the occasion in order to enjoy many other beauties and landscapes: from the historical old town of the city of Caorle, – a country of fishermen, which was passed from the protohistory of the ancient inhabitants of Veneto to the bathing touristic industry ,which pays particular attention to the quality of the environment –to Concordia Sagittaria -which wonderfully documents the habitual visiting of the Romans,- from the cathedrals and the abbeys on the territory- which are evidence of the austere power of the Patriarchys- from every stone and ancient manufactured product-which we can find all around the countries and which contains the laws of Serenissima – from the wonderful woods of Brussa and from the ancient pinede (pinewoods) on the right side of Tagliamento, to other very famous beaches, for example Bibione. The lagoons, the uncertain worlds of the marshes, of the rivers and of the open grasslands of the marshes, of the residual woods, which are delicate and unrepeatable, have the charm of a miracle, and as every miracle, they have had their singers, writers, geographers, historians. The most famous is always Ernest Hemingway, followed and accompanied by Ippolito Nievo, Pier Paolo Pasolini, Romano Pascutto, and at the dawning of the italic civilisation, by the roman architect Vitruvio, by the Greek geographer Strabene and by the naturalist Plinio: to everyone, famous or not famous, the rule reminded by Marcel Proust applies: a travel becomes a discovery only if the traveller can see with new and different eyes what surrounds him.

Caorle – Concordia Sagittaria – Portogruaro – Sesto al Reghena – Pramaggiore – Summaga

Questo caratteristico tratto di pianura si ramifica lungo i fiumi Lemene, Reghena, Loncon e Lison.

Concordia Sagittaria (Julia Sagittaria) fu fondata nel 42 a. A. come colonia situata sull’antica strada romana Via Annia. Concordia conserva ancor oggi monumenti ed opere d’arte romana, quali il Ponte Romano, le Due Basiliche Paoelocristiane, i due Sepolcreti, il Battistero ed il Campanile Romanico. Portogruaro: una simpatica cittadina medioevale e rinascimentale che sorge a cavallo del fiume Lemene. Dell’antico borgo meritano particolare interesse la Via Martiri della Libertà con la Piazza della Repubblica e il Municipio, il Duomo ed i Mulini. Sesto al Reghena: è un antico nucleo dove passa il fiume Reghena e sorge l’Abbazia benedettina fondata verso l’anno 741. All’interno si possono ammirare vari affreschi, alcuni dei quali di scuola grottesca. Pramaggiore: località famosa per la Mostra Nazionale dei Vini. Qui è d’obbligo una visita all’Enoteca per gustare i vini di produzione locale. Summaga: nel piccolo borgo è situata un’ antica abbazia benedettina, nel cui interno si possono ammirare gli affreschi della cupola e delle pareti con scene dell’ Antico e Nuovo Testamento.

Caorle – S. Stino di Livenza – Mestre/Venezia – Oriago – Mira – Dolo – Padova

Questo itinerario suggestivo percorre la Rivera del Brenta dove gli amanti dell’arte potranno ammirare esternamente e visitare alcune delle più belle Ville Venete, situate ai confini di Venezia e Padova, fatte costruire tra il XVI° e XIX° secolo da famiglie patrizie veneziane da parte dei più famosi architetti d’epoca. Oriago, Villa Gradenigo; a Mira, Villa Venier Contarini con alcuni affreschi di Frrancesco Ruschi; a Dolo, Villa Ferretti-Angeli di Vincenzo Scamozzi; a Stra, Villa Pisani ora Nazionale. E’ questa, assieme alla Villa Manin di Passariano la più grande delle Ville Venete. Il nostro itinerario prosegue sempre lungo il Brenta per arrivare a Padova una delle maggiori città d’arte del Veneto e del Santo Patrono Antonio. Consigliamo vivamente di visitare la Basilica di Sant’Antonio, la Piazza delle Erbe con il vicino Duomo e il Battistero, la Cappella degli Scrovegni con gli affreschi di Giotto e il Museo Civico.

Caorle – Motta di Livenza – Oderzo – Conegliano – Vittorio Veneto – Valdobbiadene

Questo itinerario consente di percorrere una parte di collina in cui trionfa il Prosecco, lo spumante veneto per eccellenza.. La strada si snoda attraverso il Montello, teatro della Grande Guerra ed oggi culto della gastronomia tipica, resa famosa dai funghi, dalle sopresse e dall’ottimo vinello. Conegliano: città del vino e della grappa è sede dal 1877 di una importantissima scuola di Viticoltura ed Enologia, nonché conservatorio di notevoli testimonianze storiche: il Duomo del XIV secolo, la Chiesa di S. Martino ed il Museo del Castello. Vittorio Veneto: è la città della Vittoria (guerra 1915 – 1918) ed è in parte distesa in pianura ed in parte aggrappata alla collina dove sorge il Castello S. Martino di origine longobarda. Oltre alla visita del Museo della Battaglia e della Cattedrale settecentesca, è d’ obbligo una passeggiata nel suggestivo borgo antico di Serravalle, uno dei centri storici regionali meglio conservati. Follina: di notevole interesse la monumentale Abbazia Benedettina che risale al 1150 e l’annesso Chiostro, il Battistero e la Sala Capitolare. Proseguendo in direzione Valdobbiadene, tra colline cariche di vigneti e paesi ridenti, potrete assaporare nelle tipiche botteghe, riconoscibili da una particolare insegna, gli ottimi vini Prosecco e Cartizze prodotti in queste zone. A Maser una piccola rotabile conduce a Villa Barbaro, opera di Andrea Palladio costruita nel 1560. Nel parco dietro alla Villa, si trova il Museo delle Carrozze con una originale raccolta di veicoli.

Ad Asolo, borgo suggestivo di aspetto medioevale potrete ammirare il suggestivo Castello di Caterina Cornaro con il bellissimo giardino. E’ necessariao lasciare l’ auto e proseguire a piedi per vedere questo pittoresco abitato dove passeggiando tra le vie e portici spiccano sparse tra i colli la Villa Pisani e la villa degli Armeni.

Escursioni in barca

Non si può lasciare Caorle, senza prima avere visto la laguna, luogo tanto caro al celebre scrittore Ernest Hemingway Un ambiente ancora incontaminato dove il tempo scorre lento, silenzioso e si possono ammirare ed ascoltare i molti uccelli che nidificano in questa zona. Potete salire a bordo della Motonave Arcobaleno o sul tipico “bragozzo”, la Serenissima ( imbarcazione da laguna adatta ai fondali poco profondi ), che tutti i giorni partono dal porto peschereccio del paese e attraversano le stesse vie d’acqua percorse dai pescatori per raggiungere i “ casoni “, costruzioni tipiche in canne di paludi, un tempo adibite ad abitazione per le famiglie dei pescatori che qui dimoravano nei lunghi periodi di pesca.

Il mezzo più idoneo per visitare la laguna è senza dubbio la barca che ci permette di addentrarci in questo fitto reticolo di canali e specchi d’acqua per godere il silenzio e i suoni che la natura sa emettere nonché osservare da vicino questa complessa maglia che l’acqua crea con i suoi flussi scanditi dal ritmo lento e regolare della marea.

Potete visitare questi luoghi anche in bicicletta grazie ai percorsi ciclabili che attraversano tutta la zona della Valle Vecchia, più nota come “ Brussa “.Si tratta di un vero gioiello naturalistico che potete ammirare percorrendo il sentiero di 12 km che si snoda al suo interno, opportunamente dotato di segnaletica. Avrete modo di visitare i casoni , il porto di Falconera, una delle poche zone di laguna aperta ancora esistenti, frequentata da molti uccelli di palude, nonché la vasta pineta che si estende alle spalle del litorale di Valle Vecchia, ultimo tratto di spiaggia non urbanizzato della costa veneziana, con le sue tipiche dune naturali e la vegetazione arborea, dove le tartarughe marine vanno ancor oggi a deporre le loro uova. Il periodo migliore per effettuare un’ escursione in mountain-bike o a cavallo, è la stagione autunnale e primaverile, quando la vegetazione con le sue infinite sfumature di colori di foglie e fiori regala paesaggi da sogno.

Con la motonave S. Lunardo potrete (previa prenotazione) percorrere raggiungere le vicine località di Concordia Sagittaria e Portogruaro e durante il pranzo, che vi sarà servito a bordo, degustare i piatti della tradizione locale.

Se poi desiderate visitare Venezia, vi consigliamo di prendere la motonave Caorle che parte dal porto di Caorle e vi farà sbarcare, dopo una piacevole traversata in mare lungo la costa veneziana, nelle immediate vicinanze della splendida Piazza San Marco.

Ed infine per gli amanti della pesca sportiva, l’Adriatica Club Charter organizza escursioni giornaliere in alto mare mettendo a disposizione tutta l’attrezzatura necessaria, l’esperienza e la competenza di chi fa del mare una vera passione.

Escursioni in bicicletta

Per gli appassionati della bicicletta, Caorle dispone di una fitta rete di percorsi ciclabili che collegano il capoluogo con le frazioni vicine e che permettono di esplorare ed ammirare le bellezze del paesaggio circostante.

Si può partire dal centro storico, in direzione di Spiaggia di Levante, passare davanti alla chiesa della Madonna Dell’ Angelo, percorrere il Lungomare e proseguire fino ai casoni, tipiche abitazioni dei pescatori.

Per chi ama la natura un itinerario da non perdere è quello che collega Caorle con Valle Vecchia, un’oasi naturale incontaminata dove dimorano rare specie di animali tra cui numerosi uccelli acquatici e rapaci quali il Tarabuso e il Cavaliere d’Italia.

Un altro interessante percorso è quello che si snoda lungo il fiume Livenza e che collega Caorle con Ca’ Corniani, noto centro agricolo e altre piccole località quali Ca’ Cottoni, S. Giorgio di Livenza e Torre di Mosto.

Un piacevole e distensivo ciclotour si può effettuare lungo la pista ciclabile che attraversa Porto Santa Margherita, Valla Altanea e Duna Verde fino ad arrivare a Eraclea Mare.